Transiberiana 7×3: teaser


ATTENTION! A longer version of the video in this post is taking part to the online contest “This is how I couchsurf”. The first prize is 2000 dollars in travels, which would give us the opportunity to tell you more Russian-Italian stories. We’ll make an effort to publish in English as well. In the meantime you can vote us by liking this video on Youtube.

_._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._.

Siamo tornati una settimana fa, abbiamo dormito dalle sei del pomeriggio alle sei del mattino successivo e, dopo qualche giorno di sveglie alle cinque e colazioni improbabili alle sei del mattino, siamo rientrati nel fuso orario di Mosca.

Il cavaliere senza macchia e senza paura è andato subito a lavorare e io, che non riprendo a insegnare fino a settembre, ho fatto la casalinga, ho disfatto le valigie, regalato leccalecca cinesi agli ospiti, invitati apposta per mostrargli le foto, ho cominciato a mettere in ordine i video girati durante il viaggio, ho preparato piatti su piatti a base di zucchine del nostro orto e mi è perfino venuta l’idea di aprire un’altra rubrica, dedicata esclusivamente alle nostre avventure con la dacia.

Com’è andato il viaggio? È stato sfiancante e bellissimo. Ci sono molte cose che cambierei: l’ho organizzato troppo in fretta e mi sono persa molto di tutto il resto che mi avrebbe potuto dare. Eppure tre settimane non sarebbero bastate per vedere veramente tutto e chi lo sa, magari un giorno ci ritorno in quei posti, per esplorare il Baikal, per esempio, o per vedere il lama morto, ma non del tutto, di Ulan-Udè. Per il momento, resta il fatto che ogni viaggio è unico e anche così ci sono state tante sorprese e fuori programma.

Alla fine siamo riusciti a trovare ospitalità ovunque, anche se non tutti erano disposti a diventare personaggi dei nostri video. Quanto ai video, fare tutto in due è abbastanza difficile: il montaggio dipenderà non solo da quanto in fretta riusciamo a imparare tutto quello che si può fare con Adobe Premiere, ma soprattutto da quello che siamo riusciti a girare e come si può usare. Ma non disperate, il racconto avrà mille facce: tutto quello che non ho potuto immortalare con le immagini, ve lo racconterò a parole; anzi, è addirittura un ottimo esercizio di scrittura mettere continuamente le parole e le immagini a fare a gara.

Tanto per cominciare, stamattina ho preparato un teaser, perché aspettiate con ansia il racconto di ogni singola città.

Colgo anche qui l’occasione per ringraziare le persone che ci hanno assistito prima e durante il viaggio, anche se non compaiono tutte nel video:

wp-image-1588306218

Kirill Plotnikov, Vladimir Vaskevich, Pavel Usov e Olga Kraskova, Vera Samokhina e Aleksandr, Artem Bulatov, Sveta de Rezza, Maya Zupnik, Tatyana Bril, Olga e Boris Zhidikhanov, Elena Garmaeva, Andzhelika e Oryuna, Aleksey Vostrikov e la moglie Olga, la guida della sinagoga di Birobidjan, Yaroslava Shershen e sua madre Lyudmila.

Pochi di loro leggono in italiano, ma penso che si capisca: grazie! Senza di voi quest’avventura non sarebbe stato il viaggio fatto di persone che desideravo!

Annunci

5 risposte a “Transiberiana 7×3: teaser

  1. Pingback: La valigia: un esercizio spirituale | Russaliana·

  2. Pingback: Omsk. Transiberiana #7×3 – 2 | Russaliana·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...