Natasha consiglia ancora

La Natasha di questo racconto non si chiama Natasha, ma Irina. Irina è un’amica russa che è venuta a trovarmi in Italia, ma solo quando è arrivata in Italia ho capito quanto è russa.

Irina ha dolci occhi azzurri, il fisico da yogi e lunghi capelli ricci. Nessuno si accorge nemmeno che è russa, ma lo è. Molto.

Per esempio, una sera, dopo la festa del paese, torniamo a casa a mezzanotte, distrutte. Io mi metto sdravaccata sul divano a contemplare Alberto Angela o chiunque faccia le sue veci a quell’ora, e lei esce dalla stanza in vestaglietta, proponendo: “Ci facciamo la maschera insieme?” Continue reading “Natasha consiglia ancora”

I figli del Mondiale

di un autore anonimo Aria di festa a Mosca, è cominciato ufficialmente il Mondiale di calcio. I tifosi delle nazionali affollano le città dove si terranno le partite, colorando le strade con le proprie bandiere e riempiendole della loro rumorosa ed allegra presenza… presenza che non lascia indifferente nessuno. O meglio, nessuna: tra le avvenenti ragazze del posto già si leggono e si sentono apprezzamenti … Continue reading I figli del Mondiale